Girando nei Borghi Italiani

Da non perdere

Shiatsu Gli Stili

Principali differenze tra gli stili

In Giappone la tecnica è caratterizzata da una forma fissa, il kata, che viene ripetuta con poche varianti su tutte le persone; le pressioni sono intense, spesso oltre la soglia del dolore nella ricerca della massima efficacia; l'effetto generale è prevalentemente tonificante; è in genere una tecnica molto efficace ma difficilmente un occidentale accetta certi livelli di sofferenza fisica. Infatti gli stili originari giapponesi, in particolare il metodo Namikoshi, non si sono diffusi in occidente.
In U.S.A. lo shiatsu si è modificato adattandosi alle richieste e alle aspettative di quel popolo; si è in pratica trasformato in un trattamento piacevole e rilassante, ma sostanzialmente privo di efficacia profonda. Nella pratica shiatsu americana (lo stile Ohashi ne costituisce l'esempio più evidente) sono praticamente scomparse le pressioni intense e si è arricchito di stiramenti, mobilizzazioni articolari, dondolamenti ecc., indubbiamente piacevoli ma scarsamente efficaci sul piano del "risveglio energetico"; tutto ciò ha confinato la pratica shiatsu nel mondo dei massaggi rilassanti, limitandone pesantemente il mercato.
In Europa lo shiatsu, rispondendo alla domanda sociale di salute che si era diffusa negli anni settanta come reazione alla crisi di fiducia nei confronti della sanità pubblica, si é subito qualificata come terapia alternativa, affiancandosi a tutte le altre pratiche mediche non convenzionali (omeopatia, fitoterapia, chiropratica, osteopatia ecc).che in questi anni si sono sviluppate ed hanno conquistato una vasta area di mercato, imponendosi anche a livello istituzionale. Ha conosciuto in questa forma un notevole successo che lo ha portato ad una diffusione senza precedenti in occidente e gli ha restituito la dignità di pratica incisiva ed efficace. Ma oggi rischia di perdere le sue possibilità di sviluppo, venendo confinato negli ambiti ristretti dell'universo sanitario, inadeguato sia come universo culturale (lo shiatsu non è direttamente finalizzato alla cura delle patologie) che come potenzialità di proposta al pubblico; anche perché, impostando lo shiatsu come terapia alternativa, gli operatori hanno spostato la loro attenzione dalla qualità ed efficacia delle pressioni agli aspetti di diagnosi e terapia (mutuate per lo più dalla medicina cinese), perdendosi in analisi astratte e speculazioni teoriche. Il "terapista shiatsu" europeo odierno lavora più con la testa che con pollici e gomiti, è più esperto di teorie cinesi che abile nella manualità e tutto ciò ha gravemente menomato la capacità di impatto immediato e concreto che costituisce la forza dello shiatsu.
Namikoshi
Masunaga
Modello culturale di riferimentomodello strutturale-ortopedico scientifico occidentalemodello energetico orientale con mediazioni fisiologico-anatomico moderne
Modello operativo di riferimentocodificazione di una mappa basata sulla definizione originale di una serie di punti anatomo-fisiologici (scelti, sembra, prevalentemente per la loro efficacia stante la collocazione su inserzioni muscolari, innervazioni, gangli linfatici ecc.)codificazione di una mappa basata sulla riscrittura originale di percorsi energetici
Tecnica di pressionepressioni a pollici sovrapposti (poche pressioni a pollice unico)pressioni con nocche, gomiti e ginocchia con una mano che "tiene" (la mano "madre") in varie forme un’altra parte del corpo o dell’arto trattato.
Modalità di pressione pressioni ripetute più volte sullo stesso punto prima di passare ad altro puntopressioni portate una volta sola su ogni punto, ripetute lungo il percorso energetico 
Mappe utilizzate
Namikoshi
Masunaga


Menu'
Meridiani
Con la collaborazione di www.amicishiatsu.com
 
www.girando.it
Autore Fabio Montagnani
webmaster@girando.it
Ultimo aggiornamento il 11 Gennaio 2013
Pagine viste

dal 26 ottobre 2000