Girando nei Borghi Italiani

Da non perdere

Antonio Todisco vince il 4░ Premio della Cucina Mediterranea - Premio Antonio Amato Premiato lo chef francese Christophe Girerd come "Ambasciatore delle tradizioni mediterranee"

Premio della Cucina MediterraneaAnche quest'anno sono stati i giovani i protagonisti del Premio della Cucina Mediterranea che, ideato quattro anni fa dalla PromoSalerno di Rosario Cancro e Marco Noschese e dall'Academia Barilla di Parma e forte quest'anno della preziosa partnership con il pastificio "Antonio Amato & C.", ha avuto luogo nella serata di ieri nella cornice dello splendido Lloyd's Baia Hotel di Vietri sul Mare (SA). Del resto la finalitÓ della kermesse resta sempre quella di scoprire i talenti della gastronomia mediterranea e di valorizzare le tradizioni delle cucine regionali, di cui gli aspiranti chef - studenti degli Istituti Alberghieri di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia - saranno gli ambasciatori del domani. Il Premio - che si avvale del patrocinio di Ministero delle Politiche Agricole, Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania, Regione Puglia, Regione Calabria, Assessorato all'Agricoltura della Regione Sicilia, Assessorato al Turismo della Provincia di Potenza, Assessorato all'Agricoltura della Provincia di Salerno e Comune di Salerno e della partnership di "Antonio Amato & C." e "Monticchio Gaudianello spa" - ha incoronato vincitore Antonio Todisco dell'Ipsar di Molfetta (BA). Il giovane rappresentante della Regione Puglia, con la ricetta "Paccheri al pesto pugliese e fagiolini con ciambotto di rana pescatrice" ha conquistato la giuria composta da Paolo Mainenti (Responsabile Europa di Academia Barilla), Paolo Caldana (Presidente Federazione Italiana Cuochi) e dai giornalisti Lamberto Sposini, Franco Esposito ed Antonietta Piscione e si Ŕ aggiudicato uno stage del valore di 15mila euro presso l'Academia Barilla di Parma. Ha preceduto, nell'ordine, i rappresentanti della Regione Sicilia (Rosario Messina dell'Ipsar di Catania), che ha proposto "Spatola ai profumi mediterranei in marmellata di arancia"; della Regione Basilicata (Giuseppe Micca dell'Ipsar di Potenza), che ha proposto "Candele con crema di peperone e cacioricotta" e della Regione Campania (Carmine Sgambati dell'Ipsar di Avellino), che ha proposto "Fusilloni con ventresca di tonno, gamberi e tartufo di Bagnoli Irpino. Anche quest'anno inoltre non Ŕ mancata la partecipazione di una nazione mediterranea: Ŕ stato infatti ospite del Premio il rinomato chef Christophe Girerd, che ha proposto alla degustazione dei giurati la specialitÓ transalpina del "Cappuccino d'astice in verrina" ed Ŕ stato premiato dall'Assessorato al Turismo del Comune di Salerno come "Ambasciatore delle tradizioni mediterranee". La kermesse all'insegna del gusto mediterraneo - a cui hanno partecipato il cavaliere Giuseppe Amato, il presidente di Confindustria Agostino Gallozzi, il senatore Alfonso Andria, il consigliere regionale Ugo Carpinelli, l'ex presidente della Camera di Commercio Antonio Pastore - ha dedicato spazio anche all'approfondimento, con un dibattito sul tema "Le nuove frontiere del Mediterraneo per la sicurezza alimentare e lo sviluppo" che, moderato dal giornalista Gabriele Bojano, ha visto la partecipazione di Giovanni Iuliano (Vice Presidente Provincia di Salerno); Corrado Martinangelo (Assessore all'Agricoltura Provincia di Salerno); Nino D'Asero (Deputato Assemblea Regionale Siciliana); Gianfranco D'Angelo (Assessore al Turismo Provincia di Potenza); Vincenzo Maraio (Assessore al Turismo Comune di Salerno); Giuseppe Amato jr. (Presidente Gruppo Alimentare Confindustria Salerno); Paolo Mainenti (Responsabile Europa di Academia Barilla) e Paolo Caldana (Presidente Federazione Italiana Cuochi). Un interessante momento di confronto, in cui sono stati affrontati aspetti decisivi per il futuro dell'intero comparto agricolo ed enogastronomico: nel mirino c'Ŕ una politica agricola che consenta l'affermazione della competitivitÓ internazionale del Made in Italy (e segnatamente del "Made in South Italy"), la sostenibilitÓ ambientale, la creazione di un rapporto di fiducia e rispetto con i consumatori ma anche la valorizzazione delle tradizioni alimentari mediterranee, patrimonio da riscoprire e tutelare in quanto risorsa primaria per uno sviluppo rispettoso delle identitÓ storico-culturali mediterranee.

PromoSalerno - Via Felline, 11 - Salerno www.promosalerno.it - www.premiocucinamediterranea.it Info: 338.2109480 / 333.5615670 - Info Press: 339.6199336



Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
Manifestazioni del:
2008
2007
2006
2005
2004
-
2002/2003
 
www.girando.it
Autore Fabio Montagnani
webmaster@girando.it
Ultimo aggiornamento il 1 Giugno 2017
Pagine viste

dal 26 ottobre 2000