Girando nei Borghi Italiani

Da non perdere

QUATTRO PASSI NELL'ANTICO BORGO
Tra chiese, dipinti e un antico mosaico bizantino Asciano offre molti spunti al visitatore

Per arrivare ad Asciano, partendo da Siena, si attraversa l'incantevole via Lauretana, una strada ricca di verde e di scenari suggestivi. In prossimità del paese si incontra il ponte del Garbo, fatto ricostruire subito dopo la seconda guerra mondiale, seguendo lo schema medievale. Superato questo passaggio, si giunge ai margini del centro storico, che si snoda lungo un anello posto tra la basilica di Sant'Agata e la porta senese.
Iniziamo l'itinerario da via Cassioli. Fatti pochi metri incrociamo sulla destra piazza del Grano, il cuore medievale del borgo. La piazza ha al centro una bella fontana quattrocentesca, opera di Antonio di Paolo Ghini, e, in fondo, il palazzo del Podestà, adornato da numerosi stemmi araldici. Imboccando, poi, via Bartolenga, deviamo in via Magi: qui si può ammirare un raro esempio di fornace per vasi.
Torniamo quindi a salire lungo la via Bartolenga, fino a scorgere l'antico palazzo Tolomei. Poco più avanti si eleva la Collegiata di Sant'Agata. La basilica, riferibile alla fase di transizione tra romanico e gotico, ha un bel campanile merlato e un'originale cupola ottagonale. Al suo interno spiccano, invece, un grande affresco raffigurante la Madonna in trono, attribuito a Girolamo del Pacchia, il Deposto di croce del Sodoma e un crocifisso ligneo del XV secolo. Intorno all'edificio, inoltre, si possono osservare i resti delle antiche mura cittadine. Dopo aver finito la visita della cattedrale, prendiamo la ripida ascesa che conduce alla chiesa di San Francesco. L'edificio religioso, costruito tra XIII e XIV secolo, conserva alcuni affreschi di Giovanni d'Asciano e una sublime pala di terracotta policroma del XV secolo, proveniente dai forni del paese.
Dal piazzale si ammira anche un magnifico panorama sulle colline circostanti. Ritorniamo sui nostri passi e avviamoci lungo corso Matteotti: sulla destra scorgiamo la chiesa di San Bernardino, un piccolo edificio in stile gotico. Superiamola e imbocchiamo, subito a destra, via Mazzini. Spuntiamo così davanti al museo Cassioli, dedicato al pittore ascianese del XIX secolo Amos Cassioli. Dal retro di questo luogo, scendendo una scala di pietra, ci dirigiamo alla piccola cascata della Lama: qui si può godere uno scorcio sul fiume Bèstina. Prima di rientrare nel corso principale, attraversiamo via del Canto e soffermiamoci davanti al pavimento a mosaico policromo, ciò che resta di un grande stabilimento termale d'epoca domiziana. In corso Matteotti spuntiamo di fronte alla Torre della Mencia, costruita nel 1586, con ai piedi una fontana molto amata dagli abitanti.
Raggiungiamo quindi la chiesa di Sant'Agostino, la cui facciata conserva le originarie linee gotiche, mentre l'interno ha subìto un intervento in epoca barocca. Anche il cortile interno merita un'attenzione particolare. Continuiamo fino alla fine del corso: ecco la porta Senese, da cui è possibile scorgere un'altra parte delle mura castellane risalenti alla metà del XIV secolo. A questo punto incamminiamoci lungo via Peschiera fino a rispuntare in via Cassioli, da dove è partita la nostra visita. Siamo pronti a lasciare il borgo medievale di Asciano, senza dimenticare una breve tappa alla vicina chiesa di Camparboli, nelle immediate vicinanze della porta senese. Recentemente restaurata, conserva interessanti affreschi interni, tra cui L'Assunzione della Vergine eseguita da Girolamo di Benvenuto, e i dipinti di San Fabiano, San Girolamo, San Rocco, Santa Lucia e San Sebastiano di Girolamo del Pacchia nel 1387, realizzati dentro finte edicole.


Home > Terre di Siena >
Terre di Siena
Da non perdere
Con la collaborazione di: Cristian Lamorte Ufficio Stampa Comune di Asciano cell. 338 7348579
IMpress Tel: 0577 391114 e-mail: redazione@agenziaimpress.it web: www.agenziaimpress.it
 
www.girando.it
Autore Fabio Montagnani
webmaster@girando.it
Ultimo aggiornamento il 5 Settembre 2015
Pagine viste

dal 26 ottobre 2000