Girando nei Borghi Italiani

Da non perdere

Corsica fra mare, monti e colline
Guida alla Corsica

Corsica
La Corsica, nonostante copra una modesta superficie (8.720 km ), è la terza grande isola del Mediterraneo occidentale, dopo la Sicilia e la vicina Sardegna. Lunga 183 km e larga 83 km, distende i 1.047 km delle sue coste in una successione di capi, golfi e spiagge di sabbia dorata. Le coste sono frastagliate e accidentate ad ovest, mentre ad est sono basse e uniformi, orlate di stagni e di lagune, tanto che un tempo erano infestate dalla malaria. A chi vi giunge via nave, l'isola appare come un unico monte emergente dal mare, mentre, avvicinandosi, ci si accorge che si tratta di molti massicci, tutti abbastanza elevati. Questa " montagna nel mare ", per ricalcare un'espressione usata da Guy de Maupassant, è l'isola più elevata del Mediterraneo, con un'altitudine media di 586 m. (rispetto ai 441 della Sicilia e ai 344 della Sardegna). Il Monte Cinto, la cima più alta, eternamente innevata, si erge con i suoi 2.707 m. a soli 25 km dal mare; il Padro ( m. 2.393) e il Rotondo (m. 2.625) sono cime che rimangono innevate fino agli inizi dell'estate.

Corsica CalancheLa Corsica, data la sua orografia, non presenta lunghi fiumi, ma torrenti ampi, impetuosi e ricchi d'acqua d'inverno; i principali: il Golo ed il Tavignano. L'isola ospita il "Parco Naturale Regionale", che interessa la vasta zona montuosa interna e si affaccia sul mare, tra Calvi e Porto, con una costa alta e rocciosa.

In considerazione dell'orografia e delle strade non particolarmente larghe, soprattutto nella parte ovest dell'isola, si consiglia la visita effettuando un percorso "orario", per non trovarsi sull'orlo di imponenti burroni, quando s'incrocia un altro veicolo.

Corsica BonifacioLa presenza umana in Corsica (Cirnos, per gli antichi Greci), si può far risalire al 6.000 a.C., quando popolazioni provenienti dalla Sardegna s'installano nell'isola. A partire dal 3000 a.C. si sviluppò la civiltà megalitica, analoga a quella sorta, più o meno nello stesso periodo, su buona parte del territorio europeo. Il centro della civiltà megalitica si trovava nella parte sud-occidentale dell'isola ove, a partire dal 1600 a.C. apparvero le statue-menhir di imponenti e primitive forme umane, forse monumenti funerari. Intorno al 2000 a.C., nella parte sud-orientale dell'isola si sviluppò la civiltà dei Toreani, il cui nome deriva da costruzioni massicce, a forma di torre, simili ai primi nuraghi della Sardegna.

Corsica FilitosaNel 565 a.C. esuli Greci fondano la colonia di Alalia, conquistata dai Romani nel 259 a.C., che le cambiano il nome in Aleria. La Corsica viene conquistata dai Vandali nel 460 d.C. poi, dal 534 al 725, entra a far parte dell'Impero Bizantino, quindi viene occupata dai Saraceni, che si insediano sulle coste. Alla fine dell'anno 1000 passa sotto il domino di Pisa, che nel 1284, dopo la sconfitta della Meloria, la cede a Genova. L'isola passa poi sotto gli Aragona quindi, nel 1553, viene occupata da Enrico II, re di Francia, che la restituisce a Genova fino a quando, nel 1790, la Corsica diviene un dipartimento francese, per rimanere tale fino al 1970, quando viene istituita la Regione Corsica. Da sottolineare che negli anni Settanta si costituisce il Fronte di Liberazione Nazionale, portatore di finalità indipendentiste, attivo ancora oggi.

Corsica testa di MoroLo stemma della Corsica è una testa di Moro in campo bianco. L'origine della testa di Moro o dei Mori risale al tempo delle Crociate. E' il simbolo della vittoria sul nemico (la testa tagliata di un capo tribù vinto, fu portata in gloria su una lancia dai Crociati) - Il simbolo della testa del Moro compare su differenti carte della Corsica a partire dalla seconda metà del XVI secolo. Nel 1762, Pascal Paoli fece adottare per la "Consulte de Corte" l'effige della testa di Moro sullo stemma della Corsica che, tuttora, e' l'emblema dell' Isola.

Le principali città sono Ajaccio, capoluogo di regione e Bastia, centro commerciale, industriale e principale porto dell'isola.

Corsica Porto VecchioLa Corsica gode di un clima mediterraneo mitigato dall'altitudine, della latitudine, dall'ambiente marittimo e dai venti, tuttavia, contrariamente a quanto avviene nel resto dell'Europa, l'incremento della sua temperatura media avviene da Sud a Nord; Bastia e Capo Corso hanno infatti un clima più caldo rispetto ad Ajaccio o Bonifacio.
Queste pagine vogliono essere un aiuto per voi "navigatori" che desiderate avere una visione panoramica e di primo contatto con la realtà di questa bellissima isola del Mediterraneo. Potrete navigare all'interno del sito spostandovi da un argomento all'altro per soddisfare la vostra curiosità, ma confidiamo anche nel vostro aiuto di grandi viaggiatori per arricchire sempre più queste pagine.


CORSICA
SARDEGNA
ISOLE BALEARI
Guida alla Corsica
Escursioni in Corsica
La Sardegna
Alghero
Cagliari
Costa Smeralda
Costa Verde
Eventi Manifestazioni
Iglesias
Locali Notturni
Parco Maddalena
Nuoro
Oristano
Santa Teresa di Gallura
Spiagge
Spiagge Naturiste
La Corsica
Spiagge Portovecchio
Spiagge Nudiste corse
Fotografie
I Corsi
La Storia
Napoleone
Lo Sport
Risorse Idriche
Il Clima
Gastronomia
Vegetazione
Escursioni Trekking
Cascades du Polischellu
Gola di Spelunca
Piscia di Gallo
Punta Mortella
Parco Naturale
Le Città Corse
Ajaccio
Ajaccio Escursioni
Ajaccio Visitare
Ajaccio Napoleone
Bonifacio
Bonifacio Escursioni
Bonifacio Visitare
Portovecchio
Propriano
 
www.girando.it
Autore Fabio Montagnani
webmaster@girando.it
Ultimo aggiornamento il 5 Settembre 2015
Pagine viste

dal 26 ottobre 2000